Gli orari del Festival

Festival a Palazzo Re Enzo sabato 8 aprile 2017 dalle 10 alle 23, domenica 9 aprile dalle 10 alle 19

venerdì 31 marzo 2017

La sfilata multietnica di Vicini d'Istanti a Terra Equa 2017

Vicini d'Istanti è l'ultimissima realtà ad approdare a Terra Equa 2017, ma non poteva esserne più contigua.

È un'Associazione di Promozione Sociale che mira allo sviluppo di un variopinto senso di comunità interculturale, permettendo il fiorire di relazioni tra persone e realtà anche molto diverse.

Attraverso l’organizzazione dei più vari momenti convivali, Vicini d'Istanti vuole rendere evidente la bellezza di ogni esperienza umana e l’importanza dello stare assieme, vicini, per quanto distanti culturalmente.

Uno di tali momenti sarà una sfilata domenica 9 aprile alle 11:00 a Terra Equa 2017 - Ri-Vestiti! La moda di fare un'altra economia.
La sfilata presenterà abiti realizzati da due sarti richiedenti asilo provenienti dalla Costa d'Avorio: circa 30 modelli tra ragazzi e ragazze italiani, africani, americani (e alcuni bambini).

video

Il cotone con il quale vengono fatti gli abiti africani viene chiamato wax (cera), perché per eseguire le stampe una parte della superficie del tessuto viene impermeabilizzata con la cera: in questo modo il colore della tintura penetra solo nelle parti del tessuto non cerate, ottenendo disegni e variazioni di colore.

https://www.facebook.com/Vicini-dIstanti-610513462471826/

I pagne – così vengono chiamate le stoffe – attraverso le loro decorazioni parlano e dicono qualcosa su chi li indossa: per esempio, un pagne con un motivo di uccellini che escono dalla gabbia viene chiamato ton pie mon pie, ovvero “il tuo piede il mio piede”, che significa: se tu vai, se tu prendi alla leggera il matrimonio, allora lo farò anch’io.

https://www.facebook.com/Vicini-dIstanti-610513462471826/

Sulla falsariga di questa tradizione, gli abiti di Vicini d'Istanti cercano di veicolare messaggi d’inclusione a tutto tondo.
E per questo sfileranno persone di colori diversi e anche di diverse età, corporature, temperamenti, nazionalità, per poter dare voce alle singole persone, alle loro identità, e per fare percepire il valore aggiunto che è dato dallo sfilare assieme.

https://www.facebook.com/Vicini-dIstanti-610513462471826/

Gli abiti, inoltre, vengono disegnati partendo dal desiderio e dalla storia di chi li indossa, e spesso prendono forma utilizzando materiali eterogenei: pagne africani ma anche materiale di recupero, stoffe di famiglia, come anche scampoli di tessuto ottenuti da vecchi vestiti.

Non si tratta solo di creazioni originali, ma anche e soprattutto di “ri-creazioni”: nuovo e usato che dialogano assieme, possibilità per chi le indossa e per chi le cuce – come per i sarti richiedenti asilo – di ricrearsi anche una vita, oltre che uno stile.

https://www.facebook.com/Vicini-dIstanti-610513462471826/

Vicini d'Istanti è l'ultimissima realtà inclusa nel Festival del commercio equo e dell'economia solidale, e non ne potremmo essere più soddisfatti.

È sempre il tu che permette anche all’io di esistere, e tanto più quel tu è lontano dalle proprie abitudini, tanto più dà possibilità all’io di svilupparsi scansando visioni stereotipate della realtà e degli altri.
La specificità di Vicini d’Istanti è il desiderio di dare voce alle tante identità che si trovano a condividere lo stesso territorio, e di permettere loro di dialogare in modo generativo, riconoscendo l’alterità e valorizzandola.
Ci interessa essere agenti attivi nella costruzione di nuove forme di convivenza, nuovi saperi e nuovi linguaggi.

Nessun commento:

Posta un commento