Gli orari del Festival

Festival a Palazzo Re Enzo sabato 8 aprile 2017 dalle 10 alle 23, domenica 9 aprile dalle 10 alle 19

lunedì 20 aprile 2015

Arte come comunicazione per l'inclusione sociale - Marakanda Open Group

Marakanda ha portato a Terra Equa fino dalla prima edizione i suoi colori, quadri, magliette, oggetti.
(Chi scrive ne ha anche acquistati un paio.)
Siamo dunque particolarmente lieti di presentare le risposte che Monica Macchiarini, responsabile e coordinatrice artistica, ha fornito alla nostra mini-intervista.
In realtà, per dirla tutta, Monica ha scritto molto di più; per esigenze di pubblicazione siamo stati costretti a tagliare, ma se vuoi il testo nella sua completezza scrivi a terraequa@gmail.com e te lo spediremo. 


Marakanda Open Group a Terra Equa 2013

Marakanda: arte e capacità in corso d’opera” è un Laboratorio Protetto con un progetto specifico sull’arte che dal 2009 accoglie 20 persone adulte con disabilità medio lieve.

L’arte è il filo che unisce le sue attività laboratoriali: atelier di pittura e scultura, ceramica, cucito, falegnameria e stampa digitale, perché l’arte è quella particolare forma di espressione, comunicazione e linguaggio che permette di trasformare le differenze tra le persone e renderle modalità di comunicazione universali.

In che modo Marakanda contribuisce, secondo te, all'economia solidale?

Marakanda offre a piccole o medie imprese interessate ai temi dell’arte e del design la propria collaborazione nella creazione di prodotti di qualità a elevato contenuto etico, per stimolare nuovi mercati e promuovere scambi sostenibili tra impresa e sociale:
  • campagne pubblicitarie disegnate da artisti disabili per promuovere eticamente i propri prodotti e l’impresa;
  • design di abbigliamento, biancheria, tendaggi e tessuti per la casa, gli esercizi alberghieri e di ristorazione;
  • realizzazione di complementi di arredo e piccolo mobilio (lampade, paraventi, sedie, ecc.).
Atelier Marakanda

Questo tipo di comunicazione è di forte impatto per l’acquirente, favorisce l’inclusione sociale e costruisce percorsi virtuosi: nuove sinergie e nuove modalità di fare impresa che mettono insieme creatività, produttività e impegno sociale.

Che cosa pensi, in generale, dell'economia solidale?

Open Group, cooperativa sociale, nasce dalla convinzione che si possano coniugare prosperità economica, eccellenza ambientale e coesione sociale.
Che si debba raccogliere la sfida delle tante trasformazioni in corso per ripensare radicalmente il ruolo sociale dell’impresa.

Crediamo che si debbano sparigliare le carte.
Che si debbano cercare connessioni inedite tra cura e cultura, tra inclusione e innovazione sociale, tra educazione e comunicazione.

Crediamo nel tempo indispensabile per costruire fiducia e nello spazio necessario per cooperare.

Atelier Marakanda

Crediamo che l’impegno d’impresa e l’impegno civile abbiano un confine in comune da esplorare senza titubanza.
Crediamo nella libertà se temperata con la responsabilità.

Crediamo che occorra rimettere al centro del nostro fare le città e le persone: le loro intelligenze e i loro diritti di cittadinanza.
Crediamo che ogni comunità debba attingere a tutta l’energia locale disponibile, intesa come consapevolezza e partecipazione di tutti gli attori del territorio.
Perché crediamo che istituzioni, imprese o cittadini, siano tutti destinati a evolversi da semplici utilizzatori finali di un territorio a protagonisti del cambiamento.

Atelier Fabrizio

Che cosa chiedereste ad Andrea Corsini, nuovo assessore al commercio della Regione Emilia-Romagna, per migliorare il vostro lavoro e per dare impulso all'economia solidale in generale?

La nuova legge “per la promozione e il sostegno dell’economia solidale” è stata approvata lo scorso 22 luglio dalla Regione Emilia-Romagna, la prima legge in Italia che sancisce il riconoscimento di questa nuova forma di economia che mette al centro valori come l’etica, il tempo e la sostenibilità.

A che punto è l’organizzazione di strumenti come un Forum regionale per l’economia solidale e la creazione di un Tavolo permanente composto dai membri della Regione e da membri del circuito?
Quali strumenti istituzionali aiuteranno il settore a svilupparsi e programmare iniziative che vadano verso la qualità e l’innovazione?
Si è parlato di un Osservatorio e di un portale web per monitorare i progetti attivi: quando saranno attivati questi strumenti?

Marakanda: arte e capacità in corso d’opera

Nessun commento:

Posta un commento