Gli orari del Festival

Festival a Palazzo Re Enzo sabato 8 aprile 2017 dalle 10 alle 23, domenica 9 aprile dalle 10 alle 19

lunedì 5 maggio 2014

La Lanterna di Diogene, una storia che merita di essere raccontata


Domenica 11 maggio, a partire dalle 17:00, ci sarà l'evento locale "Vicino e lontano: prodotti del territorio e cibo ‪equosolidale‬", con presentazione del libro La quinoa in cucina (a cura di Slow Food), musica e degustazioni (maggiori informazioni nella immagine qua sotto).
L'iniziativa è a cura della Bottega del Sole, e si terrà alla Lanterna di Diogene di Solara di Bomporto (Modena).



La Lanterna di Diogene è una osteria che offre piatti semplici e tradizionali, preparati con prodotti in gran parte biologici, polli di razza modenese, verdure di propria coltivazione e aceto balsamico dell’acetaia di casa.

È anche una cooperativa, che fa parte del Centro di Terapia Integrata per l’Infanzia La Lucciola, una struttura di riabilitazione che accoglie bambini e ragazzi dai 3 ai 18 anni con disabilità fisiche, mentali e multiple: paralisi cerebrale infantile, sindromi neurologiche, sindrome di Down e altre sindromi genetiche, ritardo mentale, disturbi dello spettro autistico, disturbi dell'apprendimento e dello sviluppo sociale.
La Lucciola opera secondo una modalità originale e innovativa.
L'attività terapeutica prevede una organizzazione centrata su gruppi di bambini, nella quale le tecniche riabilitative e terapeutiche sono adottate nell'ambito di compiti funzionali e significativi, secondo una prospettiva ecologica dello sviluppo.

Anche all'interno della Lanterna di Diogene lavorano persone con sindrome di down, psicosi, paralisi cerebrale infantile, e il lavoro è costruito insieme cercando di andare incontro agli interessi dei collaboratori.

Nella cooperativa si coltivano ortaggi e alberi da frutta, si cura un vigneto di trebbiano per la produzione di aceto balsamico tradizionale di Modena, si allevano animali e si trasforma tutto ciò in cibo all'emiliana per l'osteria.

La Lanterna di Diogene è nata e va avanti con la convinzione che la vita è più bella se si fa un lavoro che piace, che dà soddisfazione, e nel quale i ragazzi possano continuare a stare insieme e ad aiutarsi.


Nessun commento:

Posta un commento